Farina di lino ricca in omega 3 Gluten-free

“Ovunque i semi di lino divengano un cibo comune tra la gente, lì ci sarà una salute migliore”, sono parole del Mahatma Gandhi che, osservando le abitudini del suo popolo e seguendo gli insegnamenti ricevuti dai suoi genitori, commercianti di spezie, arrivò ad affermare quello che scienza e medicina hanno solo da poco riconosciuto: l’importanza dell’utilizzo dei semi di lino nella nostra dieta quotidiana. Questi semi oltre a contenere lignani, i fitoestrogeni dalle importanti proprietà antiossidanti e anticancerogene, sono soprattutto una fonte eccezionale di Omega 3, l’acido alfa–linolenico, naturale protezione del cuore e del sistema circolatorio. Gli acidi grassi Omega 3 sono da qualche tempo presenti in alcuni alimenti di uso quotidiano come il latte e la pasta. Seguendo le nuove tendenze di mercato e assecondando le esigenze dei consumatori finali, ABS Food Srl di Padova ha recentemente presentato la nuova farina di lino ricca in Omega 3. E’ un prodotto estratto con metodi naturali, senza l’uso di solventi, dall’alto contenuto di fibre, con percentuali di Omega 3 che vanno dal 5% al 12%. Dal colore neutro e dal sapore leggermente nocciolato, questa farina può essere aggiunta direttamente in tutte le formulazioni alimentari per la preparazione di snack, muesli e preparati per la prima colazione in genere, nelle fette biscottate, nelle paste alimentari e nei dessert, nei prodotti per la panificazione e da forno in genere.

grissini linoCon l’utilizzo di questo prodotto dalle caratteristiche antiossidanti, i panificatori e i pastai che, fino ad oggi hanno utilizzato l’olio di lino per aumentare l’apporto di Omega 3, hanno potuto constatare il venir meno dell’effetto d’irrancidimento che lìolio provoca sul prodotto col passare del tempo. Da sottolineare inoltre l’estrema semplicità dell’aggiunta di questa farina alla ricetta d’origine e il mantenimento delle sue proprietà anche a cottura avvenuta.
La farina di semi di lino ricca in Omega 3 è disponibile anche con certificazione d’origine biologica e, a richiesta, può essere proposta come ingrediente per le produzioni in assenza di glutine.

(pubblicato in: TECNOLOGIE ALIMENTARI,a.18 n.5, giugno – luglio 2008, pag. 27)